Cresime e ingresso del nuovo Parroco

Momento davvero importante, sabato 11 ottobre, per la nostra parrocchia.

Infatti, oltre alla celebrazione del sacramento della Confemazione di 30 ragazzi, il nostro Vescovo, Mons. Fausto Tardelli ha ufficialmente conferito l’incarico di Parroco a fr. Valentino Benedetto Ghiglia,  il quale,   in seguito all’avvicendamento con fr. Roberto Beneamati deciso dal Capitolo dei Frati Minori di Toscana per il Convento a cui è affidata la parrocchia della Madonna di San Romano, ha assunto la guida appunto della nostra comunità.

Momento bello e carico di emozione.

All’inizio della celebrazione Eucaristica, dopo la lettura da parte del Mininistro Provinciale dei Frati Minori fr. Guido Fineschi del decreto con il quale Mons. Vescovo istituiva il nuovo Parroco,  Nicola Mastroberti di San Romano, ha letto un pensiero, espressione dei sentimenti del Consiglio Pastorale ma anche di tutta la parrocchia. Infatti,  la nostra comunita’ da il benvenuto a Padre Valentino che prende il testimone di Padre Roberto rimasto con noi per 14 anni: quest’ultimo rimarra’ indubbiamente nel cuore di tutti per il suo esempio di bonta’, sensibilita e semplicita’. Col suo modo di fare schietto, ha saputo offrire una autentica testimonianza dell’amore di Dio.

La certezza pero’, avendo già notato la capacita di P. Valentino, di saper cogliere il “senso” più nascosto delle cose, è’ che anche  il nuovo parroco saprà tenere acceso il fuoco acceso nel cuore di tutti. Perciò la parrocchia metterà tutto l’impegno necessario per aiutare il nuovo Parroco per svolgere al meglio la missione che Dio  gli affidato  tra noi.

Un pensiero poi e’ andato anche al nuovo incarico di Mons. Tardelli che il Signore ha chiamato alla guida della Diocesi di Pistoia. Nei suoi  10 anni di Ministero, Mons. Tardelli ha dimostrato di essere un pastore sensibile e illuminato  nella sua vicinanza sia con la parola che con i gesti al popolo sanminiatese non solo nei momenti di gioia, ma anche in quelli  di solitudine e di sofferenza.  Perciò, a livello umano, la notizia della sua partenza non ci rende certo felici; ma se tutto questo, come il Vescovo ha riferito, risponde alla volonta’ di Dio, noi tutti, che abbiamo fiducia in Lui, supereremo il delicato momento del distacco con la preghiera che ci dara’ forza e ci unira’ sempre nella missione di Amore a cui tutti siamo chiamati. Anche il popolo di San Romano, dunque, assicura preghiere per il nuovo ministero Pastorale di Mons. Tardelli.

La liturgia poi e’ proseguita con la chiamata dei cresimandi.

Nella sua omelia il Vescovo ha sottolineato il tema della chiamata.  ” Infatti” – ha detto Mons. Tardelli – “voi siete stati chiamati adesso per nome e avete risposto “eccomi”. Ma in realtà il Signore vi ha fatto altre chiamate. La prima e’ stata quella il giorno del battesimo, quando il Padre vi  ha reso tutti suoi figli. Un’altra  chiamata e’ avvenuta il giorno della Prima Comunione, quando avete partecipato per la prima volta al banchetto eucaristico; infine oggi, quando attraverso il sacramento della Cresima Dio rinnova in tutti il sigillo dello Spirito Santo, rinnovando quindi  il legame inscidibile che ci lega a Lui. Anche Padre Valentino” – ha proseguito il Vescovo – “ha sentito diverse volte la chiamata del Signore. Quando e’ diventato frate, abbracciando l’Ordine di San Francesco: il Signore lo ha chiamato a lasciare tutto per stare in modo piu particolare con Lui. Un’altra chiamata il Padre gliel’ha fatta quando ha sentito il desiderio di diventare sacerdote: il Signore aveva bisogno di Lui per spezzare il Pane sull’altare, per benedire il popolo, per portare a tutti la riconciliazione e la misericordia di Dio. Infine un’altra chiamata del Signore e’ stata quella a diventar Parroco di San Romano. Il Signore ci chiama in continuazione” – ha concluso il Vescovo – “sta a noi saper ascoltare la sua voce e rispondere senza paura alla sua chiamata. Ad Egli “importa” di noi e ha a cuore solo la nostra felicita’ che sara piena quando sapremo cogliere, nei vari momenti della vita, la sua presenza di amore”.

L’emozione e’ trapelata forte sui volti dei ragazzi quando uno ad uno, accompagnati dai padrini e dalle madrine, si sono accostati al Vescovo per ricevere sulla fronte l’unzione con il Crisma.

Tutta la celebrazione e’ stata animata dal canto del coro parrocchiale guidata dal Maestro Fabrizio Berni.

A conclusione poi della Messa, il saluto del nuovo Parroco. Padre Valentino, riprendendo le parole del Papa San Giovanni XXIII,  di cui tra l’altro ricorreva proprio quel giorno la memoria liturgica, ci ha ricordato una cosa molto importante: la parrocchia e’ come una fonte di acqua libera e disponibile per tutti. E’ l’acqua dell’ amore di Dio che puo’ dissetare tutte “le seti”. Perciò è nella parrocchia, porzione del popolo di Dio che e’ tutta la Chiesa, che possiamo trovare la realizzazione di tanti nostri desideri di bene. E’ il luogo dell’accoglienza e della “soddisfazione” di tante aspirazioni e esigenze.